Blog

Scopri le ultime notizie dal settore del performance marketing, consigli e suggerimenti su come migliorare il tuo marketing di affiliazione, analisi approfondite degli argomenti da parte dei nostri opinion leader selezionati e uno sguardo alla vita all'interno di TradeTracker in tutto il mondo.

Attribution e Affiliazione : più opportunità per tutti i publisher

L’Affiliate Attribution è un argomento che ultimamente viene molto discusso e sta iniziando ad occupare uno spazio sempre più grande per quanto riguarda il web marketing. Grazie all’avvento di internet, i canali pubblicitari sono notevolmente aumentati e per tanto risulta utile tenere sotto controllo ognuno di questi e monitorarli adeguatamente.

Il Marketing Attribution si basa appunto su questo, in quanto identifica quali sono le azioni compiute sui diversi canali ed attribuisce ad ognuna di esse un valore che indica quanto abbiano inciso sul raggiungimento del risultato. Grazie al controllo di questi dati è quindi possibile scegliere la combinazione di azioni che maggiormente risulta performante. Quando si fa Affiliation Marketing, in poche parole, si reclutano affiliati. I vari affiliati hanno un notevole peso sulle vendite dell’azienda che li sceglie perché, attraverso altri siti un gran numero d’utenti può raggiungere quello della vendita. Di norma, almeno per il momento, il metodo più utilizzato per ricompensare gli affiliati è il last-click-wins. Basta una semplice traduzione letterale del suo nome per capire come questo mezzo, essenzialmente, finisce per remunerare soltanto l’ultimo sito visitato dal potenziale consumatore prima di raggiungere il portale dell’azienda.

Con l’Affiliate Attribution, invece, è possibile monitorare l’intera rete d’affiliazione prendendo in considerazione tutti i punti di contatto tra l’utente finale e l’impresa. In questo modo ogni affiliato finirebbe per avere il valore che merita, vale a dire il giusto peso legato all’influenza che ha avuto sul navigatore.

Ma gli affiliati cosa ne pensano di questa tecnica? La risposta non è, come si potrebbe pensare, univoca. Sicuramente quei siti che offrono recensioni, opinioni o comunque contenuti pubblicitari, trovano questo mezzo molto positivo. Questo perché risultano particolarmente importanti per il navigatore e riescono ad influenzare molto le sue scelte e a trasformarlo in un futuro consumatore ma non riescono, attualmente, a guadagnare perché non sono l’ultimo contatto per arrivare all’azienda.

Dall’altra parte invece ci sono quei siti che hanno basato le proprie strategie lavorative esclusivamente sul principio di essere nel posto giusto al momento giusto. Vale a dire che sono in grado di usufruire dei benefici del last-click-wins ma, di contro, non avrebbero lo stesso ritorno con i metodi dell’Affiliate Attribution. Per fare un esempio si può analizzare quello che è il caso dei siti che offrono coupon. Erroneamente si crede che questi siti siano al posto giusto al momento giusto ma in realtà non è così. Pur avendo un’influenza decisamente altissima sul consumatore, il ricavo che ne ricevono è decisamente esiguo.

Tutto quello che è stato detto finora può essere semplificato in poche parole dicendo che l’Affiliate Attribution permette di dare il giusto peso all’affiliato in rapporto all’influenza che ha sul consumatore. In questo modo può essere rivisto l’intero programma di affiliazione e migliorare le opportunità di marketing.

Ma se un’azienda decide di inserire questo metodo all’interno della propria rete d’affiliazione deve in primo luogo prendere in considerazione alcune caratteristiche. Non esiste infatti un metodo unico ma va studiato ed adeguato alle proprie esigenze. Le prime cose che vanno fatte sono volte alla comprensione dell’Affiliate Attribution e nel dettaglio vanno considerati questi tre particolari che adesso andremo ad elencare:
Requisiti tecnici: Primo punto da tenere in considerazione, senza del quale non si può proprio prendere in considerazione l’attuazione del metodo. Bisogna accertarsi che la rete d’affiliazione abbia le caratteristiche indispensabili per supportare le strategie di attribuzione, vale a dire se ci siano o meno le risorse tecniche necessarie.
Dati esistenti: Le aziende sono in possesso dei dati inerenti i risultati dell’affiliazione ma non sempre sono in grado di comprenderli. Questo perché mancano le figure professionali degli analisti che sono gli unici in grado di tradurre i dati in informazioni inerenti la rete. Questi dati risultano quindi essere totalmente inutili in quanto non vengono assolutamente compresi. Passo importantissimo è quello di accertarsi che i dati esistenti vengano compresi così da conoscere tutti i dettagli inerenti all’affiliazione, attribuire il valore adeguato ad ogni affiliato ed, eventualmente, adottare strategie differenti.
Parti interessate: Infine è necessario prendere in considerazione tutte le parti che entrano in gioco nella propria rete di affiliazione. Per evitare confusioni e possibili incidenti di percorso è necessario parlare chiaramente con tutti gli affiliati e stabilire i compiti di ognuno. Quando i piani sono perfettamente organizzati diventa più semplici andare avanti ed ottenere risultati migliori in quanto il lavoro di tutti è ottimizzato.
Una volta che queste caratteristiche sono state valutate si può prendere la decisione o meno di attuare l’Affiliate Attribution. Necessario è comunque considerare che l’attuazione di questo metodo comporterà una rivoluzione iniziale nella rete di affiliati che si è costruito che si tradurrà in un cambiamento significativo all’interno dell’organizzazione del marketing.

I cambiamenti non saranno percepiti esclusivamente dall’impresa a capo di tutto, bensì da ciascun affiliato. Bisogna tener presente che il metodo che si è deciso di inserire non equivale a dire che l’azienda risparmierà pagando meno le commissioni ai propri collaboratori. Al contrario, l’Affiliation Attribution ha lo scopo di pagare in base al contributo dato dall’affiliato.

Dando il giusto valore all’affiliato si comprendono meglio anche le esigenze dell’utente e le sue abitudini. In questo modo si giustificano le spese di marketing e si riceve un ritorno maggiore sulle spese pubblicitarie.

Potrebbero interessarti anche...

Settore Travel e influencer marketing: ecco a voi La Viaggiatrice Solitaria!

Zaino in spalla, valigia pronta e green pass alla mano: si torna a viaggiare! Se sei un advertiser del settore Travel e vorresti promuovere i servizi che offri tramite l’influencer marketing non puoi perderti l’ultima IG Live di TradeTracker disponibile qui, durante la quale abbiamo intervistato La Viaggiatrice Solitaria. Per saperne di più, scrivi a [...]

Scopri di più

Come monetizzare il tuo sito tramite l’Affiliate marketing e il traffico SEO

Gli editori di contenuti come blog, siti di recensioni oppure riviste di settore online sono componenti essenziali all’interno del portfolio publisher di un programma di affiliazione. In questo articolo troverai alcuni suggerimenti su come monetizzare il traffico del tuo sito generando entrate passive grazie all’affiliate marketing e il traffico organico ottenuto dai motori di ricerca. [...]

Scopri di più

TradeTracker incontra Officine08

Oggi facciamo due chiacchiere con Simone Spina di Officine08, shop online dedicato al mondo dei motori Parlaci di te, che ruolo ricopri e di cosa ti occupi all’interno di Officine 08? Fin dall’inizio, come socio fondatore mi occupo dello sviluppo dello shop on line e delle varie attività di promozione del nostro catalogo online. Quando [...]

Scopri di più

Publisher Spotlight: Discoup

Una breve presentazione della vostra realtà. Discoup è nato nell’ormai lontano 2013 e da allora è cresciuto molto velocemente, diventando il punto di riferimento italiano per i codici sconto e le offerte. Dagli esperti del settore siamo riconosciuti come miglior publisher italiano e ad oggi collaboriamo con oltre 1.300 e-commerce per garantire un risparmio vero [...]

Scopri di più