Blog

Scopri le ultime notizie dal settore del performance marketing, consigli e suggerimenti su come migliorare il tuo marketing di affiliazione, analisi approfondite degli argomenti da parte dei nostri opinion leader selezionati e uno sguardo alla vita all'interno di TradeTracker in tutto il mondo.

Torna a tutti blog

Flash o Gif? Quale scegliere per i propri banner

Porsi la domanda su quale sia il migliore tra un banner Flash o Gif è come chiedersi se una chiavetta USB sia migliore di un Floppy Disk. Entrambe le funzioni svolgono in maniera corretta il ruolo per le quali sono proposte, ma una è decisamente più oblsoleta e limitata.

Non esiste una vera risposta da dare nella scelta di un banner in Flash o Gif. Il primo ha più funzioni, ma a volte averne meno può risultare l’opzione più conveniente. Conoscere nel dettaglio le due differenti tipologie può essere utile per comprendere quale si confà maggiormente alle proprie esigenze.

In primo luogo Flash, di norma, è più piccolo del formato Gif, a meno che non si tratti di un frame-to-frame di animazione Flash nel qual caso lo spazio richiesto sarà maggiore. Flash è più leggero in quanto per le illustrazioni che mostra richiede esclusivamente i dati matematici che ne definiscono i parametri, mentre Gif necessita di tutte le informazioni per ogni pixel.

Con Flash, inoltre, possono essere aggiunti file audio e video, cosa assolutamente impossibile con le animazioni Gif. Le Gif animate, in più, sono limitate dalle palette nella scelta dei colori, problema che non sussiste affatto per Flash. Anche per questo motivo la qualità delle immagini è migliore con Flash, le animazioni Gif possono perdere informazioni a causa della tavolozza di colori limitata e di opzioni di comprensione.

Flash permette anche una maggiore interazione con l’utente, prevedendo molteplici azioni con un unico file. Tuttavia Gif non ha bisogno, a differenza di Flash, di un plugin per il browser che ne permetta la visione. Le Gif animate rappresentano la scelta migliore quando si ha intenzione di fare qualcosa di piccolo e poco complicato.

Creare Gif animate non è complicato, con qualsiasi editor di immagini è possibile realizzarne di perfette risparmiando in questo modo notevolmente ed ottenendo un risultato efficace. Flash, invece, necessita di un programmatore, quindi un esperto nel campo, che realizzi un banner di successo.

Infine bisogna considerare che Flash non è compatibile con alcuni vecchi dispositivi ed è addirittura bloccato da alcuni plugin dei browser o dai dispositivi portatili, mentre le Gif animate di norma non lo sono. A questo si deve aggiungere che Flash non ha una buona compatibilità con i dispositivi mobili e per tale motivo il banner non è visualizzabile da una buona fetta di mercato, tra l’altro una fetta in costante crescita.

Solo quest’ultime due informazioni dovrebbe far propendere verso le Gif senza pensarci troppo ma, se si dà un occhio alle statistiche, si può notare che le aziende commerciali più importanti hanno per lo più optato per i banner in Flash, quindi è necessario comprenderne il motivo.

Probabilmente la scelta di questi ricade su Flash in quanto è un numero ridotto di consumatori che utilizza plugin per bloccare Flash e, in fondo, esistono mezzi anche per bloccare le Gif animate, quindi il pericolo di non essere visti riguarda qualsiasi formato che si sceglie per il proprio banner. Flash rappresenta la scelta da fare qualora si voglia interagire maggiormente con il navigatore, mostrando video o gallerie interattive dei prodotti all’interno del banner stesso, approfittando della flessibilità delle traduzioni e del minor spazio occupato.

Va tenuto conto però che banner più complessi, come quelli con video ed audio, occupano parecchio spazio. Questa caratteristica non è da sottovalutare in quanto un file più è grande più necessiterà di tempo per essere caricato. Alcuni dispositivi non particolarmente potenti, inoltre, potrebbero ritrovarsi bloccati perché non riescono a caricare e, concentrando tutte le proprie forze su questa operazione, vanno più o meno in blocco. Un rischio che si dovrebbe evitare di correre.

Sappiamo tutti benissimo come la società moderna sia diventata particolarmente frenetica e come gli standard di velocità abbiano reso tutti piuttosto impazienti. Dover aspettare anche solo un minuto in più per il caricamento dei contenuti porta al navigatore medio già una certa irritazione. Quando si decide di optare per un banner in Flash è buona norma testarlo prima.

In primo luogo è utile assicurarsi che non abbia suoni di default iniziali in quanto la maggior parte dei siti non lo permettono e va provato su dispositivi con caratteristiche inferiori rispetto agli standard. In questo modo si può essere sicuri che il banner progettato non utilizzi una quantità folle di CPU.

In conclusione, sia Flash che Gif hanno i loro vantaggi e gli svantaggi. Quando si intraprende una campagnia pubblicitaria utilizzando dei banner, è bene considerare attentamente i pro e i contro sopra elencati scegliendo il formato ideale per i propri scopi.


Previous:

Google inizia a testare gli annunci a tutta pagina su Gmail anche in Italia

Google inizia a testare gli annunci a tutta pagina su Gmail anche in Italia

Next:

Attribution e Affiliazione : più opportunità per tutti i publisher

Attribution e Affiliazione : più opportunità per tutti i publisher

Potrebbero interessarti anche...

Sneakers Bar: la pista perfetta per far correre le tue sneakers!

Scopri di più

Black Week 2021: i risultati

Scopri di più

Publisher Spotlight: Enspire

Scopri di più

L’Account Manager, il tuo alleato più prezioso

Scopri di più