Blog

Scopri le ultime notizie dal settore del performance marketing, consigli e suggerimenti su come migliorare il tuo marketing di affiliazione, analisi approfondite degli argomenti da parte dei nostri opinion leader selezionati e uno sguardo alla vita all'interno di TradeTracker in tutto il mondo.

Torna a tutti blog

Come capire se un CTR è buono o no per il SEM

Il CTR misura in termini percentuali, l’efficacia dei propri annunci SEM. Qual’è un buon click through rate? Per dare una risposta a questa domanda bisogna considerare diversi fattori.

Quali sono questi fattori?

– Network, motori di ricerca e le campagne di Google Shopping presentano CTR significativamente più elevati rispetto alle campagne display, anche se le campagne di remarketing possono potenzialmente migliorare CTR rispetto ad altri tipi di campagne.

Rilevanza. Questo fattore combina la completa esperienza di ricerca, alla ricerca della pagina di destinazione.

Altri aspetti importanti sono la corrispondenza delle parole chiave e il punteggio di qualità (Quality Score). Ma non solo:

Ad Rank – Anche con una grande rilevanza, la posizione degli annunci a volte bassa. Prendere in considerazione sia gli annunci unitari, che l’estensione di Google shopping fa diminuire l’importanza di un annuncio con testo standard Infine, se il vostro annuncio è al di sotto della barra del ricercatore browser, potrai accumulare potenzialmente molte visualizzazioni, senza però che l’annuncio venga mai visto!

Dispositivo. L’aumento o la diminuzione del rank dell’annuncio, che incide sul CTR può variare a seconda del dispositivo. In generale il CTR del telefono è superiore a quello del desktop e del tablet. Tuttavia, il volume tende a essere molto inferiore. Gli annunci per cellulari occupano molto spazio sullo schermo, spesso agli utenti offrono solo opzioni a pagamento prima di poter navigare.

Verticale – CTR varia in verticale, soprattutto se si considera la concorrenza. Termini come, “avvocato” sono spesso molto costosi e hanno un grande volume di ricerca. Uno qualsiasi dei fattori di cui sopra può essere influenzati, causando oscillazioni di CTR.

Qual’ è il verdetto?

Sulla base di questi fattori, una buona prova CTR è del 2%.

Alcuni sostengono che il 2% è troppo basso. Ma arrivati almeno a tale soglia, si può cercare implementando i costi e gli obiettivi del tasso di conversione.

Quando parliamo 2% CTR, bisogna considerare che ci saranno molto probabilmente campagne individuali con CTR migliori ma anche peggiori. Ad esempio, le campagne commerciali di note marche possono avere CTR molto più alti del 2%, mentre altri possono essere al di sotto di tale percentuale. Inoltre, le campagne della Rete Display matureranno molte più visualizzazioni ma con CTR inferiori, quindi meglio investire su quest’ultimo.

Utilizzando gli originali strumenti di Google, siamo in grado di raccogliere dati competitivi, ma queste cifre sono solo stime. I report dell’Auction Insights forniscono dati interessanti confrontando parametri come la quota di visualizzazioni, la posizione media e il tasso di sovrapposizione ai concorrenti.


Previous:

Come prepararsi alle campagne di riapertura delle scuole

Come prepararsi alle campagne di riapertura delle scuole

Next:

I piccoli dettagli contano

I piccoli dettagli contano

Potrebbero interessarti anche...

Sneakers Bar: la pista perfetta per far correre le tue sneakers!

Scopri di più

Black Week 2021: i risultati

Scopri di più

Publisher Spotlight: Enspire

Scopri di più

L’Account Manager, il tuo alleato più prezioso

Scopri di più