Ultimi Tweet

    Scusate, nessun Tweet trovato.

Post recenti su Facebook

This message is only visible to admins.

Problem displaying Facebook posts.
Click to show error

Error: An access token is required to request this resource.
Type: OAuthException

Latest Videos

TradeTracker’s International Performance Marketing Award submission

Real Attribution Launch Event With Launch Partner TMG

Una presenza globale

TradeTracker è presente a livello internazionale, e in quanto membri della comunità on-line, conosciamo meglio di chiunque altro la capacità di Internet di far diventare i confini nazionali irrilevanti.

La nostra presenza con uffici in tutto il mondo ci aiuta a rimanere presenti e attivi sui singoli mercati nazionali, cosi come anche l'apertura di un network di potenziali partner internazionali.

L'ambizione di crescere ci ha portato ad essere presenti in oltre 19 paesi diversi, mentre continuiamo a fare piani di sviluppo per la nostra prossima grande avventura.

North America

07 August, 2014 by agaranin ttnews Web & Marketing

Dopo un breve periodo di prova Google  rilascia al pubblico una nuova feature di Gmail. Gli utenti che utilizzano la webmail di Gmail (vale anche per chi usa Google Apps) potranno da oggi cancellarsi dalle mailing list da cui ricevono email direttamente dall'intestazione dell'email, come mostrato di seguito.

 

Google stessa annuncia la novità dal suo profilo Google+ spiegando come la novità sia di impatto positivo sia per gli utenti sia per i gestori delle mailing list. Ancora oggi alcuni gestori di ML pensano che più sia complessa la cancellazione dalla loro lista, più di successo saranno le loro campagne di email marketing, in quanto non potendo gli utenti cancellarsi continueranno a ricevere pubblicità e, prima o poi, cliccheranno su una mail.

In realtà è ormai risaputo che grazie ai moderni filtri antispam è bene concedere all'utente una cancellazione istantanea e semplificata (molti spingono per il one-click unsubscribe, cioè cancellarsi con un click). Se si continua infatti ad inviare "spazzatura" a utenti che non la vogliono, questi potranno avvalersi dei pulsanti "segnala come spam" presenti ormai in tutti i client di posta e webmail più utilizzati. Troppe segnalazioni come spam si traducono in una penalizzazione del mittente delle email e quindi l'impossibilità di raggiungere i propri utenti.

L'aggiornamento di Gmail quindi tende a ridurre ancora la possibilità di segnalazione come spam e permette invece agli utenti di cancellarsi velocemente dalle email non gradite e permette al gestore di non ritrovarsi con troppe segnalazioni come spam.

Insomma Google cerca di favorire tutti migliorando un po' l'interazione tra utente e marketers.