Blog

Scopri le ultime notizie dal settore del performance marketing, consigli e suggerimenti su come migliorare il tuo marketing di affiliazione, analisi approfondite degli argomenti da parte dei nostri opinion leader selezionati e uno sguardo alla vita all'interno di TradeTracker in tutto il mondo.

Redesign del sito in arrivo? Devi subito pensare al SEO

Quando pensate alla riprogettazione di un sito web, è facile concentrarsi solo su quelle caratteristiche che sono attraenti per l’occhio.

Purtroppo, la riprogettazione di un sito web non è semplicemente un esercizio di estetica. Certo, gli elementi puramente visivi del vostro sito web di nuova concezione probabilmente attireranno di più più attenzione, ma ricordate: una grande riprogettazione di un sito web richiede anche considerare (e migliorare) quello che c’è sotto ovvero i vari programmi.

Un esterno appariscente non aiuta molto se la macchina reale non funziona. Se la gente non riesce a trovare il tuo sito web tramite ricerca o se non può intuitivamente navigare attraverso le pagine o facilmente capire quali informazioni tali pagine contengono, che sia di bell’aspetto in realtà non importa.

Quando si tratta della riprogettazione del sito web, forma e funzione devono essere un’unica cosa. Così, mentre si inserisce la nuova combinazione di colori e si aggiunge una bella immagine alla home page, non dimenticate quello che succede dietro le quinte.

Perché avete bisogno di pensare alla SEO dall’inizio?

Per assicurarsi che il vostro nuovo sito sarà veramente in sintonia con il pubblico di destinazione – e per salvare se stessi da parte di alcuni grandi mal di testa lungo la strada – è necessario che la SEO sia radicata nella vostra strategia di riprogettazione fin dall’inizio.

“L’errore di SEO più comune che i marketers fanno quando ridisegnano i loro siti web è quello di non coinvolgere il team di SEO all’inizio del processo“, afferma Jeff Ferguson, amministratore delegato di Fang Digital Marketing . “Troppo spesso veniamo chiamati in ritardo a lavorare sulla SEO di una riprogettazione, quando il processo è già quasi finito, come ad esempio quando il sito viene codificato o addirittura del tutto completato … L’intervento che di solito deve essere trasmesso a questo punto della codifica, probabilmente costerà alla società molto più del design”.

Laura Hogan, direttore marketing di OverGo Studio , ha una visione simile. “Se non considerate la SEO già nella sessione iniziale della strategia, perderete quello che avete conquistato in così tanto tempo e faticato per costruire. Tutto è importante e dovrebbe essere preso in considerazione, dalla struttura del sito web alla meta descrizione delle pagine “.

Sito Web Redesign & SEO: Le principali voci di azione

Come si fa esattamente a fare in modo che la SEO sia incorporata nella strategia di riprogettazione fin dall’inizio? Qui ci sono alcuni elementi da aggiungere alla lista delle cose da fare:

Controllate tutto ciò che esiste sul sito

Prima di iniziare a demolire il sito, prendete del tempo per esaminarlo e determinare che cosa funziona e cosa no. Ecco alcuni parametri chiave che si possono prendere in considerazione:

– Numero di visite / visitatori / visitatori unici (media mensile).

– Top eseguendo le parole chiave (in termini di rango, traffico e lead generation).

– Numero di domini di collegamento in entrata.

– Numero totale di pagine totali indicizzate.

– Numero totale di pagine che ricevono traffico.

Una volta che avete acquisito tutte le informazioni su cosa esiste e funziona sul vostro sito, sarete in grado di prendere decisioni informate su quali delle vostre pagine dovrebbero stare, quali dovrebbero andare e quali dovrebbero essere rinnovate o riorganizzate durante la riprogettazione.

Identificare (e includere) parole chiave comunemente utilizzate

Si tratta di una nuova era per la SEO, un’epoca in cui non è più possibile avere una buona parola chiave per scalare la graduatoria con successo. Al giorno d’oggi, se Google scopre che si sta palesemente facendo un uso eccessivo (o nascondendo) le parole chiave sul sito, la vostra credibilità (e classifica) potrebbe subire un grave colpo.
Tuttavia, questo non significa che le parole chiave sono del tutto irrilevanti. In realtà, se si sta facendo quello che Google vuole che facciate (creazione di contenuti di alta qualità), le parole chiave lavoreranno in modo naturale nelle pagine del vostro sito web. Per citare direttamente da Google:
“Nella creazione di un sito ricco di informazioni utili, scrivere pagine che descrivono in modo chiaro e preciso l’argomento. Pensate alle parole che gli utenti potrebbero digitare per trovare le vostre pagine e inserite quelle parole nel vostro sito. ”

Considerate la struttura URL

Se il tuo sito è disseminato con URL lunghi, indecifrabili che non si allineano bene con il contenuto effettivo delle pagine del sito, la ristrutturazione degli URL dovrebbe assolutamente essere una priorità durante la vostra prossima riprogettazione del sito web.
Volete sapere dove SEO entra in gioco qui? Proprio come i ricercatori stessi, i motori di ricerca preferiscono gli URL che rendono facile capire qual è il contenuto della vostra pagina.
Una regola generale da seguire quando si creano i vostri nuovi URL: uso trattini (-) tra le parole, invece di sottolineatura (_). Google tratta i trattini come separatori, ciò significa che può restituire risultati quando si cerca una sola parola che compare in un URL e quando si cerca un gruppo di parole che compaiono in un URL. Ciò vuol dire che Google vede le singole parole nell’URL inbound-marketing-tips.com, quindi il sito potrebbe essere visualizzato nelle ricerche di termini come “suggerimenti inbound”, “consigli di marketing inbound”, “consigli di marketing, ecc”.
Al contrario, Google tratta le sottolineature come connettori, il che significa che restituisce solo i risultati quando si cerca un gruppo di parole collegate che appaiono in un URL. Così Google legge la URL inbound_marketing_tips.com come inboundmarketingtips.com, che cambia a seconda di ogni quanto tempo il sito appare nei risultati di ricerca.
La linea di fondo: usare i trattini crea maggiori opportunità per le vostre pagine da scoprire.

Optare per una soluzione Responsive

Come configurazione preferita di Google per i siti web per cellulari ottimizzati, responsive design è la scelta migliore per la consegna di una grande ricerca ed esperienza di navigazione per gli utenti mobili.
Con il responsive design, tutti gli URL del vostro sito web sono gli stessi per tutti i dispositivi e tutti servono lo stesso codice HTML. Questo non è il caso di altre configurazioni mobili, come la creazione di un unico sito mobile separato, (che richiede un diverso insieme di URL) o implementazione di un serving dinamico (che utilizza gli stessi URL, ma serve diversa HTML).
Con il responsive design, l’unica cosa che cambia tra i dispositivi è lo stile (che è controllato da CSS). Questa configurazione rende più facile per Google eseguire la scansione delle pagine e recuperare il contenuto. Per citare Google: ” Questo miglioramento di efficienza può indirettamente contribuire ad aumentare l’indice dei contenuti del sito su Google e mantenerlo aggiornato.”

Potrebbero interessarti anche...

TradeTracker vs. Web analytics

Gli inserzionisti di TradeTracker possono visualizzare le statistiche e report relativi alla loro campagna di affiliazione sulla dashboard della in piattaforma. Oltre a ciò, gli inserzionisti utilizzano spesso altri strumenti di misurazione, come Google Analytics, per confrontare il traffico con altri canali. Quando il traffico proveniente da TradeTracker viene confrontato con Google Analytics, si nota [...]

Scopri di più

TradeTracker Publisher Tips

Hai creato il tuo account publisher su TradeTracker e non sai come monetizzarlo? Non lo hai ancora fatto, ma ti piacerebbe entrare a  far parte del mondo dell’affiliazione come editore? Niente paura, qui di seguito troverai tutte le informazioni necessarie per diventare un partner di TradeTracker Italia 😊 Sei pronto? Cominciamo! Crea il tuo account [...]

Scopri di più

Settore Travel e influencer marketing: ecco a voi La Viaggiatrice Solitaria!

Zaino in spalla, valigia pronta e green pass alla mano: si torna a viaggiare! Se sei un advertiser del settore Travel e vorresti promuovere i servizi che offri tramite l’influencer marketing non puoi perderti l’ultima IG Live di TradeTracker disponibile qui, durante la quale abbiamo intervistato La Viaggiatrice Solitaria. Per saperne di più, scrivi a [...]

Scopri di più

Come monetizzare il tuo sito tramite l’Affiliate marketing e il traffico SEO

Gli editori di contenuti come blog, siti di recensioni oppure riviste di settore online sono componenti essenziali all’interno del portfolio publisher di un programma di affiliazione. In questo articolo troverai alcuni suggerimenti su come monetizzare il traffico del tuo sito generando entrate passive grazie all’affiliate marketing e il traffico organico ottenuto dai motori di ricerca. [...]

Scopri di più