Blog

Scopri le ultime notizie dal settore del performance marketing, consigli e suggerimenti su come migliorare il tuo marketing di affiliazione, analisi approfondite degli argomenti da parte dei nostri opinion leader selezionati e uno sguardo alla vita all'interno di TradeTracker in tutto il mondo.

5 Regole per creare banner che vale la pena cliccare

Avere un banner pubblicitario non sempre è sinonimo di successo: bisogna infatti riuscire a creare dei banner in maniera perfetta, poiché solo questi sono in grado di poter dare risultati tangibili e un ROI positivo.
Analizziamo ora cinque semplici regole che devono essere rispettate per creare banner performanti

Prima regola, la precisione del messaggio

Quando si opera nel web marketing, è scontato che il proprietario di un sito abbia un’idea ben chiara di quello che sta vendendo/offrendo.
Conoscendo quello che si deve vendere quindi, è chiaro che quando si devono creare dei banner pubblicitari, la precisione non deve mai venire a mancare: bisogna quindi cercare di esser concisi, e porre nel banner quello che si vuole vendere o sponsorizzare.
Se la precisione, essenziale come regola base, dovesse venire a mancare, coloro che si ritrovano quel banner in un sito web potrebbero non cliccarci, dato che si potrebbero trovare di fronte a un banner pubblicitario vago.
Ad esempio, se si pubblicizza l’ultimo modello di macchina fotografica, nel banner bisogna inserire la descrivere quel tipo di macchina fotografica, e non parlare in maniera astratta di tutti i modelli di macchine fotografiche, dato che si creerebbe solo ed esclusivamente confusione.

Seconda regola, nessuna foto falsa o preimpostata

Quando si crea un banner, uno degli errori più comuni, ma anche tra i più gravi, consiste nell’inserire una foto preimpostata, o comunque non veritiera, che tragga in inganno i clienti, i quali potrebbero esser non soddisfatti di quel tipo di annuncio, così come non lo saranno del prodotto che viene venduto.
In nessun caso infatti non bisogna usare una foto ingannevole e non veritiera: questo modo di procedere è solo controproducente, e potrebbe esser la causa del mancato successo.
Facendo un esempio classico, quando ad esempio si creano siti di annunci, nei banner vengono inserite delle foto di modelle e donne bellissime che servono per poter dare al banner il giusto livello di attrazione e di click che il proprietario del sito vuole ottenere.
Ovviamente, questo modo di procedere è completamente sbagliato: questo perché poi, quando il cliente andrà a navigare sul sito, non troverà quelle donne presenti nel banner, ma altre che magari risultano esser sempre bellissime ma non come quelle presenti nel banner.
Al contrario quindi, sia per i siti di incontri che per altri tipi di siti, bisogna inserire delle immagini veritiere, che rappresentino a tutti gli effetti il contenuto di quel sito web, e non elementi che sicuramente non verranno trovati.

Terza regola, la familiarità

Un altro problema che potrebbe affliggere i banner riguarda semplicemente il modo di creare lo stesso banner: esser originali è un bene, una cosa che sempre e costantemente deve esser messa in campo, ma crearli troppo diversi dai classici banner potrebbe esser un errore da non sottovalutare.
Un banner deve ovviamente rispettare le due regole precedentemente descritte, ma allo stesso tempo deve anche dare quel senso di famigliarità che permette allo stesso banner di esser convincete e che permetta ai clienti di cliccare senza troppe preoccupazioni o dubbi.
Come si rispetta la famigliarità dunque?
Semplice, bisogna cercare di creare dei banner che riescano a mischiare originalità ed allo stesso tempo classicità, e che quindi invogli i clienti a cliccare su quel banner, sentendosi sicuri e sopratutto sentendo la chiarezza di quello che si andrà a trovare in quel sito pubblicizzato.
Bastano infatti pochi secondi per creare un banner che sia famigliare ai clienti, ed ovviamente prendere spunto da altri banner, senza però copiarli in maniera plateale, è un procedimento che si può utilizzare senza problema.

Quarta regola, dare ai clienti quello che vogliono

Un’altra regola veramente importante, che deve esser rispettata come la precedente, risulta esser semplice, ed è quella di dare ai clienti quello che vogliono, ovvero cercare di soddisfare le loro esigenze e sopratutto di permetter loro di entrare su un sito dove vi è quello che realmente desiderano.
Sostanzialmente, si può sostenere che in un banner, se non vi è quello che i clienti vogliono in quel preciso istante, indipendentemente dal banner e dall’oggetto che sponsorizza, difficilmente i clienti vi cliccheranno e procederanno all’acquisto o utilizzo di quel tipo di servizio.
Come si crea quindi un banner di successo rispettando questa regola?
Bisogna innanzitutto capire quello che vogliono i clienti, e questo lo si può fare tramite indagini sul web, o tramite sondaggi, e successivamente inserire nel banner quello del quale i clienti hanno realmente bisogno: questa regola va rispettata per qualsiasi tipo di merce o servizio offerto sul web.
Grazie questa regola dunque si dovrebbero creare dei banner attraenti e di successo, in quanto i clienti sono soddisfatti ed attratti dallo stesso banner.

Ultima regola, la call to action

In quanti riescono a resistere alla tentazione di cliccare su un banner, quando magari su di esso vi è una scritta che invoglia, talvolta anche contro la volontà, a cliccare nel banner che viene posto nei vari siti di ogni genere?
Questa frase magnetica prende il nome di call to action, ovvero la chiamata all’azione che spesso si traduce in click sul banner garantiti: ma come si crea una forte ed attraente call to action che permette al banner di avere un successo incredibile e sopratutto di ottenere un grande numero di click da parte degli utenti sul web?
Spesso, il trucco sta nello scrivere frasi retoriche ma sempre di grande successo, come ad esempio clicca per saperne di più, o ancora clicca per vedere il video o altre frasi simili, le quali, seppur scontate, se accompagnate dalle altre regole, riescono ad avere un grandissimo successo.
Naturalmente, la call to action non deve essere ingannevole: così come per le immagini, usare call to action che magari rimanda il cliente ad un sito, o contenuto, il quale risulta esser completamene diverso dal contenuto che viene pubblicizzato proprio dal banner che viene creato.

Cinque regole semplici che sono sinonimo di banner di successo: per poter quindi avere una vasta clientela e sopratutto per creare dei banner ottimi e ricchi di successo, è importante rispettare queste semplici e veloci regole.

Potrebbero interessarti anche...

TradeTracker Publisher Tips

Hai creato il tuo account publisher su TradeTracker e non sai come monetizzarlo? Non lo hai ancora fatto, ma ti piacerebbe entrare a  far parte del mondo dell’affiliazione come editore? Niente paura, qui di seguito troverai tutte le informazioni necessarie per diventare un partner di TradeTracker Italia 😊 Sei pronto? Cominciamo! Crea il tuo account [...]

Scopri di più

Settore Travel e influencer marketing: ecco a voi La Viaggiatrice Solitaria!

Zaino in spalla, valigia pronta e green pass alla mano: si torna a viaggiare! Se sei un advertiser del settore Travel e vorresti promuovere i servizi che offri tramite l’influencer marketing non puoi perderti l’ultima IG Live di TradeTracker disponibile qui, durante la quale abbiamo intervistato La Viaggiatrice Solitaria. Per saperne di più, scrivi a [...]

Scopri di più

Come monetizzare il tuo sito tramite l’Affiliate marketing e il traffico SEO

Gli editori di contenuti come blog, siti di recensioni oppure riviste di settore online sono componenti essenziali all’interno del portfolio publisher di un programma di affiliazione. In questo articolo troverai alcuni suggerimenti su come monetizzare il traffico del tuo sito generando entrate passive grazie all’affiliate marketing e il traffico organico ottenuto dai motori di ricerca. [...]

Scopri di più

TradeTracker incontra Officine08

Oggi facciamo due chiacchiere con Simone Spina di Officine08, shop online dedicato al mondo dei motori Parlaci di te, che ruolo ricopri e di cosa ti occupi all’interno di Officine 08? Fin dall’inizio, come socio fondatore mi occupo dello sviluppo dello shop on line e delle varie attività di promozione del nostro catalogo online. Quando [...]

Scopri di più